"…a questa città vorrei dire: gli uomini passano, le idee restano, restano le loro tensioni morali,
continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini…
ognuno di noi deve fare la sua parte, piccola o grande che sia,
per contribuire a creare condizioni di vita più umane, perchè certi orrori non si ripetano più…"
Giovanni Falcone

Creative Commons License
Palermo d'amare is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License. Puoi prelevare ciò che ti piace però per favore avvisami e se puoi citami:-)

Fontana Pretoria




La fontana,sita al centro di Piazza Pretoria, risale alla prima metà del ‘500 era stata commissionata da un nobile fiorentino per decorare il giardino della sua villa in Toscana, fu acquistata dal Senato palermitano nel 1573.
La Fontana è in marmo di Carrara ed ha una pianta ellittica, al centro è posto un candelabro con tre vasche degradanti alla fine del quale troviamo una statua rappresentante il Genio di Palermo che versa l’acqua che a cascata giunge alla grande peschiera posta in basso.
La parte centrale è circondata dalle raffigurazioni scultoree di varie divinità mitologiche romane ed etrusche.
La struttura è divisa in quattro settori  da scalinate , in ogni settore al livello inferiore troviamo una vasca con una  figura allegoriche rappresentante uno dei quattro  fiumi della città:Papireto, Oreto, Maredolce e Gabriele.
La fontana era chiamata anche “Fontana della Vergogna” perchè la nudità delle statue offendeva il comune senso del pudore.
Leggenda narra che una notte le suore di un convento di clausura che si affaccia sulla piazza, disgustate dall'oscenità delle statue ne abbiano distrutto le pudenda, per eliminare così le "vergogne".

5 commenti:

Sandra Maccaferri ha detto...

Bellissima.
Che dire delle "pudenda"...mah!!

nedjma ha detto...

Ma che ci vado a fare a Palermo se ho un cicerone come te, che mi da la pappa pronta...
ahahahah!!!!!
bacio

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Molta bella questa fontana.Ti auguro una felice serata a presto

Ambra ha detto...

Che città splendida! Curiosa questa storia delle nudità. Ma saraà vera la storia delle suore che nascondono le pudenda? O si tratta di una leggenda metropolitana?

Mirella ha detto...

@Sandra
Che dire?magari era solo rabbia mista ad altro...:-)
@Nedjma
nun t'azzardà manco a pensarlo...
@Cavaliere oscuro
A te buongiorno
@Ambra
che i genitali siano stati rimossi è una realtà,infatti durante il restauro di qualche anno fa è stato necessario ricostruire tutto quanto.
Che siano state le monache? boh

Copyright © 2010 Palermo d'amare by Mirella. All rights reserved