"…a questa città vorrei dire: gli uomini passano, le idee restano, restano le loro tensioni morali,
continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini…
ognuno di noi deve fare la sua parte, piccola o grande che sia,
per contribuire a creare condizioni di vita più umane, perchè certi orrori non si ripetano più…"
Giovanni Falcone

Creative Commons License
Palermo d'amare is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License. Puoi prelevare ciò che ti piace però per favore avvisami e se puoi citami:-)

Chiesa di San Francesco Saverio

Edificata per volere della Compagnia di Gesù a partire dal 1684 fu consacrata  il 24 novembre del 1711, così come è riportato su una lapide posta vicino l'ingresso del tempio,nonostante i lavori di abbellimento non fossero ancora completi.
E' un capolavoro del barocco, le sue cinque cupole delle quali quella centrale più grande ne fanno un monumento particolarissimo.
All'esterno la facciata bicromatica si eleva su due ordini:nella parte inferiore le lesene suddividono la facciata in riquadri al cui interno si trovano nicchie progettate originariamente per ospitare le statue di santi appartenenti alla Compagnia di Gesù ma mai utilizzate a questo scopo, al centro della facciata c'è un portale settecentesco alla cui destra si erge la torre campanaria.
Il portale è incorniciato da due colonne tortili  che reggono due volute a forma di conchiglia,a sovrastare il portone un tondo sorretto da due putti  nel quale è raffigurato San Francesco Saverio con un giglio e il cuore aperto, proprio sotto il tondo troviamo un granchio che tiene una croce tra le chele allusione alla leggenda che racconta del granchio che restituì al Santo il crocifisso che Egli aveva perso nel fiume dove viveva l'animale.
Nella parte centrale del secondo ordine due colonne reggono il timpano al cui interno è posta l'iscrizione "Dedi te in lucem gentium" in ricordo del lavoro di evangelizzazione svolto da San Francesco Saverio.
Attraversato il portale si accede all'interno della chiesa percorrendo sette gradini simboli del tempo impiegato da Dio a creare il mondo.
La pianta della chiesa è a croce greca c'è uno spazio centrale a forma di ottagono e altri otto secondari di cui quattro hanno la forma di rettangoli quattro di esagoni;al centro si eleva una cupola dotata di finestre,dalle quali il Tempio prende luce,retta da pennacchi dove sono raffigurate scene di vita del Santo.
24 colonne doriche,12 che  simboleggiano l'Antico Testamento (le tribù d'Israele) e 12 il Nuovo Testamento (gli apostoli) fanno da  divisori alle sei cappelle che si trovano all'interno,una è dedicata a Santa Rosalia patrona della città
Pregevolissime le opere d'arte che si possono ammirare nella Chiesa :pale d'altare,dipinti sculture e, bellissimo, un crocifisso ligneo risalente al 1800 posto all'interno di un reliquario in stile rococò.

8 commenti:

Ambra ha detto...

Ciao Mirella.
La tua descrizione è molto ben fatta, dettagliata e invitante.
Questa chiesa deve essere bellissima.
Il giorno in cui vado a Palermo, raccolgo il tuo blog, lo stampo e me lo porto come guida turistica.
Un abbraccio.

Mirella ha detto...

Il giorno che verrai a Palermo sarebbe mio piacere farti da cicerone .
Grazie Ambra sei molto cara

Mirella ha detto...

Ambra mi hai fatto venire un'idea niente male...corro nel blog di Fabrizio imparo e metto in pratica...Grazie :))

UIFPW08 ha detto...

Mirella.. allora ti aspetto sotto casa
Ciao

Mirella ha detto...

Appena possibile senz'altro :)
ciao Maurì

Dual ha detto...

Che bella Palermo..Spesso cerchiamo altrove cio' che abbiamo a casa nostra. Buon giorno
Gio'

Dual ha detto...

Eccomi a lasciarti un salutino e un buon w.e.
Gio'

Mirella ha detto...

Ciao Giò:)
Son contenta di non appertenere alla schiera degli esterofili so perfettamente da noi c'è tanto da vedere e da scoprire ancora...l'estero può aspettare
Un abbraccio e a presto!

Copyright © 2010 Palermo d'amare by Mirella. All rights reserved