"…a questa città vorrei dire: gli uomini passano, le idee restano, restano le loro tensioni morali,
continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini…
ognuno di noi deve fare la sua parte, piccola o grande che sia,
per contribuire a creare condizioni di vita più umane, perchè certi orrori non si ripetano più…"
Giovanni Falcone

Creative Commons License
Palermo d'amare is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License. Puoi prelevare ciò che ti piace però per favore avvisami e se puoi citami:-)

Oratorio del Santissimo Rosario in San Domenico


Adiacente alla Chiesa di San Domenico,per volontà della Compagnia della Madonna del Rosario,  nel 1574 fu iniziata la costruzione di un oratorio.
Senza eccessive forzature possiamo definirlo una pinacoteca tante sono le tele preziose e ascrivibili a grandi maestri custodite all'interno del Tempio, tanto per citarne alcune: una pala d'altare con la Madonna del Rosario,San Domenico, Santa Caterina da Siena,  San Vincenzo Ferreri, Sant'Oliva, Santa Ninfa, Sant'Agata, Santa Cristina e Santa  Rosalia di Anton Van Dyck;i Misteri del Rosario ad opera di fiamminghi, genovesi e artisti locali tra le quali  spiccano la "Disputa di Gesù al Tempio", la "Pentecoste", e l'"Incoronazione della Vergine" di Pietro Novelli, l'"Assunzione"di Giovan Andrea de Ferrari, la "Resurrezione" di Orazio de Ferrari, "Cristo alla colonna" di Matthias Stom e la "Visitazione" di Guglielmo Borremans.
Intorno al 1715  Giacomo Serpotta realizzò ad altorilievo all'interno di cornici di stucco,posizionate sopra le tele,episodi dell'Apocalisse  e del Vecchio Testamento legati ai Misteri del Rosario,
nelle nicchie tra i dipinti collocò inoltre le allegorie delle Virtù, la particolarità di queste sculture è che le figure femminili,che rappresentano comunque le Virtù Cardinali, sono abbigliate con abiti in merletto, copricapi piumati e monili secondo la moda in voga all'epoca sfoggiata dalle dame palermitane.
L'interno dell'Oratorio è a unica navata che culmina con l'altare dominato da alati putti in stucco che reggono un drappo, il perimetro è scandito da seicenteschi scanni lignei che poggiano su mensole finemente scopite,lì prendevano posto gli appartenenti alla Compagnia della Madonna del Rosario.

4 commenti:

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Palermo è ricca di monumenti,veramente una bellissima città.Ti auguro una serena giornata,saluti a presto

Mirella ha detto...

Immodestamente confermo le tue parole :)
Buona giornata anche a te e grazie di esser passato a visitare il mio blog:)

UIFPW08 ha detto...

Mirella sei sempre precisa complimenti ottima attenzione per il visitatore,
Buona settimana
Maurizio

Mirella ha detto...

Buona settimana anche a te,Maurizio e grazie.
Mirella

Copyright © 2010 Palermo d'amare by Mirella. All rights reserved