"…a questa città vorrei dire: gli uomini passano, le idee restano, restano le loro tensioni morali,
continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini…
ognuno di noi deve fare la sua parte, piccola o grande che sia,
per contribuire a creare condizioni di vita più umane, perchè certi orrori non si ripetano più…"
Giovanni Falcone

Creative Commons License
Palermo d'amare is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License. Puoi prelevare ciò che ti piace però per favore avvisami e se puoi citami:-)

Chiesa di Sant'Ignazio all'Olivella


La leggenda narra  che questa chiesa sorga nello stesso posto dove era  la villa della famiglia  di Santa Rosalia, e forse per questo noi palermitani  amiamo particolarmente questo Tempio Sacro.
In  sontuosissimo stile barocco è una delle chiese più grandi della città; fu inaugurata nel 1622 in occasione della canonizzazione di San Filippo Neri.
La facciata, sulla quale si aprono tre portali, è incorniciata da due campanili gemelli con orologi e abbellita da colonne.
L'interno è a croce latina con tre navate separate da colonne, nelle navate laterali una successione di cappelle tra le quali  quella dedicata a San Filippo Neri e quella del Crocifisso chiusa da una cancellata in ottone e decorata da preziosi marmi policromi e pietre dure quali agata, lapislazzuli, topazi e arricchita da due colonne di diaspro.
Ai lati dell'altare maggiore,che è sormontato da un dipinto raffigurante il Trionfo della morte, due mirabili sculture che rappresentano i Santi Pietro e Paolo, al centro della Gloria, proprio dietro l'altare risalta in rosso vivo la scritta Jahvè.
La chiesa custodisce  dipinti pregevolissimi.
Dal transetto si accede al bellissimo Oratorio di San Filippo Neri ricchissimo di stucchi barocchi.

Nessun commento:

Copyright © 2010 Palermo d'amare by Mirella. All rights reserved