"…a questa città vorrei dire: gli uomini passano, le idee restano, restano le loro tensioni morali,
continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini…
ognuno di noi deve fare la sua parte, piccola o grande che sia,
per contribuire a creare condizioni di vita più umane, perchè certi orrori non si ripetano più…"
Giovanni Falcone

Creative Commons License
Palermo d'amare is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License. Puoi prelevare ciò che ti piace però per favore avvisami e se puoi citami:-)

Oratorio di Santa Cita

L’Oratorio di Santa Cita fu fatto realizzare nel 1600 dalla "Compagnia del Rosario in Santa Cita", di fianco alla chiesa omonima fondata da una comunità di pisani residenti a Palermo.
L’incarico a decorare l’Oratorio fu affidato a Giacomo Serpotta, uno dei massimi esponenti della scultura e della decorazione in stucco del barocco italiano.
Dal portale d’ingresso salendo per uno scalone si accede ad un’altra rampa di scale che,attraversando un cortile loggiato interno, conduce ad una stanza spoglia arricchita solo de tele alle pareti.
Da questa stanza tramite un’altra porta ci si ritrova improvvisamente ed inaspettatamente al cospetto di un gioiello la cui bellezza è inenarrabile.
Impossibile descrivere tutte le opere  che vi si possono ammirare...guardate voi stessi:


Del Serpotta : i quindici Misteri del Rosario, la raffigurazione della Battaglia di Lepanto, 8 statue allegoriche di Virtù, i numerosi putti e le statue di Giuditta ed Ester poste nel presbiterio.

2 commenti:

Shara ha detto...

Prima o poi tornerò a Palermo e allora... ti toccherà portarmi in giro e mostrarmi tutto dal vivo, quindi... attenta a quante cose pubblichi :D

Mirella ha detto...

Non vedo l'ora :-)

Copyright © 2010 Palermo d'amare by Mirella. All rights reserved